Domaine Alain Laboeuf

logoDomaine tutto familiare condotto da Alain e Séverine, con rigore e passione. 7 ettari divisi tra i tre classici vitigni “champenois” all’estremità ovest della Côte de Bar con una prevalenza di Pinot Nero per una produzione che si aggira tra le 60 e le 80.000 bottiglie annue. Quello che ci ha colpito particolarmente è stata la loro cordialità e schiettezza, riscontrata appieno nei loro champagne. Nonostante non siamo molto legati a concorsi e premi, per i Leboeuf parlano guide e riconoscimenti che anno per anno testimoniano la costanza qualitativa dei loro champagne.

per acquistare online queste bottiglie

I VINI

Brut Tradition (Pinot Noir, Meunier e Chardonnay Dos. 8 gr/l)

brut-reserveIl più classico degli champagne dai tre vitigni principi con
prevalenza della bacca rossa. La discreta cremosità nel
bicchiere sboccia su tonalità da frutta bianca (pesca da
Meunier) per virare ai colori più scuri della ciliegia e fino a
note di torrefazione e liquirizia. Sorso molto rotondo,
richiama subito il frutto olfattivo per chiudere con la
freschezza del pompelmo rosa che rende lo champagne
un degno compagno per un piatto con gamberi freschi

___

Extra Brut Reserve (Chardonnay 100%  pas dosé)

extra-brut-reserveChardonnay lontano dalle note gessose della Côte des
Blancs, ma oltremodo austero nel suo presentarsi in
bocca.  La prevalenza di marne ed terreni argillo-calcarei
esaltano la mineralità di questo champagne senza
sconfinare nell’eccesso di sapidità. Eccellente aperitivo, dà
il meglio su frutti di mare, capesante e carpaccio di funghi.

___

Brut Rosé (assemblaggio Pinot Noir e Meunier più 15% vino rosso)

roseColore tra il corallo ed il salmone selvaggio, ti seduce con
un’esplosione di frutti rossi, uva spina e violetta. La bocca
sul frutto pieno si stende con una freschezza concreta e si
coniuga con pollo arrosto, formaggi di vacca e andouillette

___

Brut Prestige ( 70% Pinot Noir 30% Chardonnay)

prestigeRicordo netto di un sorso pieno, soddisfacente dove la
tensione minerale dello chardonnay si univa
perfettamente alle note di frutta agrumata del Pinot Nero
per una totale rispondenza gustolfattiva.  Appagante.
Animelle allo champagne, sogliola alla mugniaia o
formaggio di capra i migliori abbinamenti.